CANTO DELLE LAVANDAIE DEL VOMERO
(di anonimo)

  • Anno: ca 1250
  • Altri titoli: Canzone delle lavandaie del vomero
  • Interpreti: Nuova Compagnia di Canto Popolare (1972)

  • HitParade: -
  • Chart annuale: -

  • Altri interpreti: -
  • Canto d'amore risalente al Duecento (secondo altri, al XIV secolo) divenuto canto di protesta contro la dominazione aragonese, in cui il fazzoletto (moccafora) assume il significato di terra.

    Fatto conoscere dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare nel loro momento di massima popolaritÓ all'inizio degli anni '70. Al solito, l'arrangiamento Ŕ dovuto al rigore filologico di Roberto De Simone.


    IL TESTO
    Tu m'aje prommiso quatto moccatora
    oje moccatora, oje moccatora!
    io so' benuto se, io so' benuto
    se me lo vuo' dare,
    me lo vuo' dare!
    
    E si no quatto embe', dammenne ddoje
    oje moccatora, oje moccatora
    chillo ch'Ŕ 'ncuollo a tte nn'e' rroba toja
    me lo vuo' dare
    me lo vuo' dare.